0 4 minuti
Estreme Conseguenze
A Kurdish fighter from the People's Protection Units (YPG) gestures inside a house burned during clashes with Islamic State militants in Raqqa, Syria June 27, 2017. REUTERS/Goran Tomasevic

Nuova udienza oggi a Cagliari nel procedimento a carico di Pierluigi Caria, cittadino italiano di Nuoro che nel 2017 partì per la Siria per combattere a fianco delle milizie curde contro il sedicente ‘califfato’ di Daesh.
Su di lui, così come per tutti gli italiani che scelsero di andare a combattere con l’esercito del popolo curdo e sono rientrati in Italia, pende un provvedimento restrittivo.

Stessa sorte avrebbe probabilmente subito anche Lorenzo Orsetti, la cui salma è ancora nel kurdistan siriano in attesa di essere trasferita a Firenze.

Nell’udienza di oggi, però, il delegato della Questura nuorese ha motivato la richiesta restrittiva aggiungendo come ‘aggravanti’ il fatto che Caria è anche un soggetto “antimilitarista, anti-globalizzazione e di tendenze indipendentiste”.

L’avvocato difensore, Gianfranco Sollai, raggiunto da EC ha così commentato: “Alla corte ho fatto notare come anche la Costituzione italiana sia, di fatto, antimilitarista e se essere anti-globalizzazione significa difendere i diritti dei popoli davanti allo sfruttamento delle grandi multinazionali, beh allora credo che in Italia ci siano diversi milioni di potenziali criminali e anche qui la stessa Costituzione potrebbe essere tirata in causa”.
Altro elemento a carico di Caria il fatto di aver partecipato a una delle proteste sul prezzo del latte del febbraio scorso. Secondo la Questura si era reso partecipe di un’azione violenta insieme a un gruppo di “una ventina di persone”. Sono stati portati in aula i filmati delle televisioni private sarde che hanno ripreso quelle manifestazioni a Nuoro dove si evidenzia la presenza di centinaia, se non migliaia, di persone che stavano protestando. I filmati non sono stati visionati.

Analogo procedimento con richiesta restrittiva è in corso a Torino a carico di Paolo Andolina, Jacopo Bindi, Davide Grasso, Fabrizio Maniero e Maria Edgarda Marcucci.

Lo Stato italiano considera il PKK curdo e qualsiasi formazione ad esso collegata come ‘organizzazione terroristica’. Una sentenza della Corte di Giustizia del Lussemburgo del novembre 2018 ha invece stabilito che l’inserimento del PKK nella lista delle organizzazioni terroristiche (datato 2002) è da considerarsi illegittimo negli anni 2014 – 2018.
Per lo Stato italiano, però, chi ha imparato a utilizzare armi e ad apprendere tecniche di combattimento armato non è solo un soggetto da ‘attenzionare’ ma cui vanno destinati procedimenti restrittivi.
Vale anche per chi ha combattuto contro quello che era ritenuto il ‘nemico numero uno’ dell’Occidente, quell’ISIS responsabile di atrocità e attacchi terroristici nelle città europee, finanziato per anni da Stati Uniti e Arabia Saudita e diventato scomodo quando si è messo in testa di portare la guerra a casa nostra e di occupare pozzi petroliferi altrui.
Il ‘provvedimento restrittivo’ chiesto a carico di Caria prevede (oltre al ritiro del passaporto, misura già in essere): obbligo di dimora, revoca della patente, revoca dei diritti civili (quindi negazione anche del diritto di voto).
Con la nuova circolare del Ministro Salvini ‘antidegrado’ i Prefetti avranno però anche il potere di ‘allontanare’ da zone considerate a rischio quei soggetti che vengono ritenuti pericolosi. All’applicazione pratica, a persone individuate come tali potrà essere anche fatto divieto di avvicinarsi a stazioni ferroviarie, scuole, università, chiese, monumenti….

ALTRE STORIE

QUANDO LA PRIVACY E’ UN ALIBI


Editoriale di Andrea Bonessa

Pochi giorni fa Pierluigi Battista, in un suo elzeviro sul Corriere della sera, prendendo spunto dal caso della deputata Sarti, si è lamentato del mancato rispetto della privacy di cui sono vittime molti personaggi pubblici ( e non solo). Molte le ragioni a supporto delle sue tesi e delle sue preoccupazioni. Ma un errore di fondo:  collegare questa deriva con la richiesta di una maggiore trasparenza e conoscenza dei comportamenti e delle azioni degli amministratori pubblici. Un errore di valutazione che confonde la giusta difesa della vita privata di ognuno di noi con la necessità di evidenza delle azioni della pubblica amministrazione e delle scelte dei funzionari e dei nostri governanti. Soprattutto da parte di chi ha fatto della partecipazione dei cittadini alla gestione e amministrazione pubblica un elemento caratterizzante della propria proposta politica. Perché non vi può essere partecipazione se non si conoscono, anche nel dettaglio, tutti i passaggi delle scelte e delle decisioni che i pubblici amministratori prendono quotidianamente. E quindi fa specie che giunte come quelle di Milano, che di questi valori se ne fanno vanto non si distinguano nella pubblicità dei criteri delle loro scelte. E le buone intenzioni si manifestano soprattutto in quelle azioni che, pur non essendo in primo piano, condizionano il lavoro e la vita di tutti i cittadini. Un esempio? Milano e la sua Commissione per il Paesaggio. Come molti sanno in ogni comune oper

Leggi di più

5G: MALATI ONCOLOGICI ED ELETTROSENSIBILI IN SENATO
Estreme Conseguenze

L’alleanza italiana Stop 5G ha rinnovato ieri la richiesta di moratoria sul 5G per tutto il territorio nazionale. In Senato, infatti, una delegazione di malati di elettrosensibilità e Innocente Marcolini, Roberto Romeo e Alessandro…

ABORTO, UN VIAGGIO FATTO DI BARRIERE
Estreme Conseguenze

Mentre a Verona si svolge il discusso Congresso sulle famiglie, parliamo di aborto e di applicazione della 194. Un gran numero di donne italiane ed europee viaggiano all’estero o entro i confini nazionali…

LIBERATE PINO LO PORTO, ITALIANO INNOCENTE
Estreme Conseguenze

L’assurda vicenda di un cittadino italiano Giuseppe Lo Porto, 86 anni, finito negli ingranaggi di un meccanismo giuridico infernale, estradato in due settimane negli Stati Uniti, dopo il suo arresto, eseguito il 7 maggio…

I BAMBINI POSSONO ASPETTARE
Estreme Conseguenze

Oltre 3mila famiglie sono in lista d’attesa per le adozioni internazionali. 1394 i minori stranieri dichiarati adottabili nel 2018. Erano oltre 4mila nel 2011. Calano le adozioni internazionali, come calano il numero degli aspiranti…

Chioggia, si salvi chi può
Estreme Conseguenze

A meno di dieci giorni dalla sentenza del Consiglio di Stato è iniziato il rimpallo delle responsabilità sulla vicenda dei bomboloni di Gpl di Chioggia posizionati a 200 metri dal centro della città in…

0 33 minuti
Estreme Conseguenze

Il Ministro Salvini sceglie di affrontare una nuova grande battaglia, annunciando una commissione d’inchiesta sulle “case-famiglia”. Ma appena un anno fa è stata chiusa un’indagine parlamentare che ha messo in evidenza i controlli, i finanziamenti, e le disfunzioni di molte comunità familiari, come sull’affido in generale. L’Osservatorio Infanzia è scaduto senza essere mai stato convocato.

Estreme Conseguenze ha intervistato coloro che hanno partecipato a quella commissione tra cui Catia Pichierri, avvocato responsabile nazionale dell’ufficio legislativo e legale dell’Associazione Rete Sociale, che si occupa della tutela legale delle famiglie fragili “Il tema è urgente, ma non diventi propaganda. Se la commissione avrà un’azione coercitiva ben venga, ma che si parta subito senza perdere altro tempo. Non ci si fermi sull’idea che serva sapere se c’è un solo bambino o ce ne sono cento. Chi decide sulle fragilità familiari deve essere un professionista formato ed esperto e non un magistrato che poco tempo prima, o addirittura in alcuni Tribunali contestualmente, si è occupato di sfratti o di recupero del credito”.

Roberto Thomas, per trent’anni Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma e oggi professore di Criminologia minorile…

A una settimana dal Congresso delle famiglie e dalla grande contro manifestazione transfemminista per i diritti di tutti, al primo consiglio comunale di Verona va in scena ancora il teatro dell’odio. In sei indossano una maglietta blu che grida “Viva la famiglia”, “non c’è nessun allarme sulle donne” “Verona è stata imbrattata dai violenti e dai prevaricatori” e il consigliere Zelger fa sue le parole di un comunicato stampa del Congresso che accusa di Maio “Lo storytelling
Guantieri / Apr 5
#ClimateStrike. “Facciamo un partito?”
Estreme Conseguenze

Oggi a Milano si trovano per la prima volta i comitati di tutta Italia del movimento “FridaysForFuture”.
È la prima assemblea nazionale del movimento italiano che numericamente è diventato uno dei più grandi al mondo.
Si…

GIUDICI SUPREMI DELLA SALUTE
Estreme Conseguenze

Sapevate che in Italia esistono ancora due tribunali speciali? La nostra Costituzione li vieta, memore dei ‘giudici speciali’ inseriti dal Fascismo per colpire e annientare gli avversari politici, per inventare nuovi nemici  o peggio…

“Mio padre, Mino Pecorelli, è stato ucciso dal piombo e dalla giustizia”
Estreme Conseguenze

di Raffaella Fanelli

“Un processo durato tanti anni. Che non ha portato a niente. Che non è servito a niente. Visto che i pentiti non erano attendibili…

SARDEGNA: L’INFERNO IN PARADISO
Estreme Conseguenze

A Lanusei, Sardegna, continua il processo per i ‘veleni di Quirra’. È iniziato nel 2011, la fine è ancora lontana. Una fitta serie di udienze fino alla…

31MILA SCIENZIATI NEL MONDO DICONO NO AL 5G
Estreme Conseguenze

È in corso un’enorme petizione internazionale contro la messa in opera del 5G per motivi di sicurezza da parte di migliaia di scienziati e professionisti di tutto il mondo. In Italia, a Vicovaro, alle…