Ci piace pensare che Mino Pecorelli avrebbe fatto così. Che si sarebbe attaccato alla notizia e non l’avrebbe più mollata. Che saputo di quella pistola l’avrebbe inseguita. Che sul suo OP l’avrebbe messa in prima pagina. Che avrebbe bussato a tutti per dire: quella è la pistola che ha ucciso un giornalista, riaprite il caso.
Ci piace pensare che oggi avrebbe gioito, perché il caso è stato ufficialmente riaperto. E ci piace pensare che, come faremo noi, non avrebbe lasciato passare giorno senza chiedere a che punto sono le nuove indagini.
Ci piace pensare in fondo che Pecorelli avrebbe fatto quel che abbiamo fatto noi, che ha fatto la nostra ottima Raffaella Fanelli.
Rosita Pecorelli, sorella del collega ucciso quaranta anni fa, ci ha ringraziato piangendo, piangendo felice come sarebbe stato felice, pensiamo, Mino Pecorelli.
Condividi questo articolo:

Direttore

William Beccaro, 45 anni, è direttore di Estreme Conseguenze. Nato professionalmente nel 1994 a Radio Popolare di Milano, ha poi lavorato per le principali testate italiane. Tra queste la Rai, la Repubblica, l’Unità, Diario, Avvenimenti, RCS, il gruppo Sole24Ore. Nel 2009 era direttore del circuito radiofonico CNR, dalle cui frequenze ha fatto scoppiare il “Caso Cucchi”.

ARTICOLO PRECEDENTE

Pianeta Greta

Commenta con Facebook