Il corpo di Lorenzo Orsetti, il combattente fiorentino delle Brigate Internazionali di Liberazione – YPG, è stato salutato con gli onori militari nel Rojava e ora si trova a Erbil.
Il padre di Lorenzo: “Il governo italiano ci aiuti a farlo tornare il prima possibile”
Lorenzo Orsetti combatteva contro ISIS insieme alle milizie curde del YPG. È stato ucciso il 18 marzo scorso.
Per il suo rientro in Italia, e per accelerarne i tempi. ora sarà decisivo un intervento del Governo Italiano.
Lo afferma a EstremeConseguenze.it il padre di Lorenzo, Alessandro.
 “I tempi per il ritorno della salma di Lorenzo temo non saranno brevi. L’hanno spostato a Erbil. Ci dissero che una volta a Erbil ci sarebbero volute altre due settimane prima del suo rientro in Italia. Oggi sentirò il Consolato ma spero che si faccia viva, questa volta, la Farnesina. Perché è chiaro che una soluzione politica potrebbe accelerare notevolmente i tempi. Se c’è la volontà politica credo che Lorenzo possa tornare anche prima di due settimane. Spero che arrivi un segnale preciso in questo senso nelle prossime ore” dice Alessandro Orsetti.
Condividi questo articolo:
La redazione di Estreme Conseguenze.

Commenta con Facebook