“C’è stato sicuramente un errore di comunicazione. Sono circolate notizie false che hanno creato il panico nelle carceri. Mi rivolgo ai detenuti: stiamo parlando di sole due settimane in cui sono sospesi i colloqui con i parenti. Sia chiaro: io sono fuori, non siamo tutti uguali rispetto alle restrizioni, quindi capisco anche la frustrazione dei detenuti. Finalmente inizia un gruppo di lavoro su scala nazionale per definire una linea comune per contrastare l’epidemia di coronavirus anche all’interno della popolazione carceraria. Il sistema penitenziario aspetta risposte. È sovraccarico. E gli istituti penitenziari distrutti creeranno un ulteriore affollamento. Sono necessarie misure per alleggerire il sistema penitenziario. Non parlo certo di amnistia ma servono dei provvedimenti, e si possono fare in breve tempo per alleggerire la popolazione carceraria”.

Così Mauro Palma, Garante Nazionale Persone Detenute a EstremeConseguenze.

Leggi anche “Carceri dimenticate, si attende una linea nazionale anti-virus“.

 

Se vuoi restare sempre aggiornato, ISCRIVITI AL GRUPPO WHATSAPP DI ESTREMECONSEGUENZE

TORNA ALLA HOME PAGE DI ESTREME CONSEGUENZE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL GRUPPO WHATSAPP DI ESTREMECONSEGUENZE

Condividi questo articolo:

Caporedattore

Daniele De Luca ha lavorato per 15 anni come redattore a RadioPopolare di Milano, passando dalle notizie locali ai GR nazionali. E’ stato corrispondente dagli Stati Uniti per Radio Popolare. Ha collaborato con Diario e il settimanale L’Espresso. Caporedattore a CNRMedia. E’ direttore di ‘FuoriDiMilano’, il primo magazine free-press composto da una redazione di utenti dei servizi di salute mentale.

Commenta con Facebook