10 Marzo

Ieri alle 17:18 è arrivata la temuta notizia: primo caso di Coronavirus in Nebraska. Il Governatore Ricketts ieri ha indetto una conferenza stampa telefonica con il supporto al telefono del responsabile della salute pubblica della Contea di Douglas ed un epidemiologo. Il primo caso è una donna di 36 anni di Omaha tornata dall’Inghilterra con suo padre il 27 Marzo già con alcuni sintomi. Quando Giovedì si è presentata al Methodist Hospital (il 60% della popolazione qui è protestante e buona parte degli ospedali sono di proprietà di vari enti religiosi) è subito apparsa chiara la gravità della situazione e testata positiva è stata trasferita a UNMC.

Già da settimane circolano raccomandazioni e inviti a “prepararsi” per l’emergenza. Ogni giorno i media parlano di più del Coronavirus ed ogni giorno escono nuove raccomandazioni e notizie. Il primo email che ho ricevuto dal distretto scolastico (pubblico) di appartenenza dei miei figli è datato 26 Febbraio e l’ultimo ieri (allegati). Mentre la primo email è una informativa dove il Distretto Scolastico comunica che è in costante contatto con il dipartimento della salute pubblica della Contea (l’equivalente della Provincia), il secondo è invece un’allerta: le scuole potrebbero chiudere e potremmo dover utilizzare la “Homebound Education”. Questo sistema educativo consiste in un totale insegnamento da remoto previsto e fornito dal distretto scolastico. E’ normalmente utilizzato per problemi medici e fisici di alcuni bambini. Homebound non è da confondersi con un altro concetto molto americano: l’homeschooling. L’homeschooling è un sistema educativo dove i genitori scelgono di insegnare (o pagano un insegnante privato) per svolgere il programma scolastico a casa nel modo e tempi a loro più convenienti.

Vediamo come nei prossimi giorni il Nebraska fronteggerà questa emergenza.

 

11 Marzo

Fremont è una piccola cittadina fuori Omaha di 26.000 abitanti. E’ nota alle cronache per l’impianto forse più grande del mondo di produzione di polli (già il Nebraska detiene il primato del macello di carne di manzo più grande del mondo) voluto dal gigante della grande distribuzione Costco nel 2016 con un investimento di 450 milioni di dollari (http://lincolnpremiumpoultry.com/). La produzione prevista è di 2 milioni di polli alla settimana o circa 100 milioni all’anno con ben 800 dipendenti.

Qui la carne e l’agricoltura (compreso i mangimi per animali)  sono una cosa molto seria.

A Fremont il paziente 1 (presunto) del Nebraska ha partecipato ad un torneo di basket durato l’intera giornale il 29 Febbraio. Da subito le scuole pubbliche, il campus universitario, le due scuole private cattolica e luterana e la palestra che ha ospitato il torneo saranno chiuse fino al 14 Marzo. La palestra sarà igienizzata. Ad alcuni abitanti è stato chiesto, non ordinato, di mettersi in auto quarantena.

Nel frattempo il mio distretto scolastico ieri, sabato, ha inviato una email informando che non risulta nessun contagiato e che le lezioni ed attività proseguiranno come da programma. Oggi, domenica, altro email: i colloqui degli insegnanti con i genitori previsti questa settimana si potranno fare al telefono. La situazione è a dir poco fluida.

Il mio ricordo personale di Fremont è la campagna dove nell’autunno del 2018 ho passato una notte in campeggio con il gruppo scout dei miei figli: la mattina a qualche decina di metri c’erano i cervi che brucavano l’erba. Bellissimo.

Uno dei motti degli agricoltori americani è “We feed America”: noi sfamiamo l’America. Se il Nebraska si ferma, l’America tira la cinghia.

 

CLICCA QUI PER ISCRIVITI AL GRUPPO WHATSAPP DI ESTREMECONSEGUENZE

TORNA ALLA HOME PAGE DI ESTREME CONSEGUENZE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL GRUPPO WHATSAPP DI ESTREMECONSEGUENZE

Condividi questo articolo:

collaboratore

Francesco Leon, 40 anni. Per 8 anni ho co-guidato un importante gruppo industriale di famiglia fino a quando l'ultima crisi dell'edilizia ha indotto l'azienda a portare i libri in tribunale. Dal 2015 vivo a Omaha, Nebraska che considero l'ultimo baluardo del capitalismo in un paese civilizzato. Qui gestisco una serie di piccole attività: un’azienda di ingegneria in Italia e USA, un investimento immobiliare turistico in Sud America e collaboro alla gestione di una catena di ristoranti di un mio caro amico qui in USA. Il tempo libero lo dedico ai miei figli, ai viaggi, all'orticoltura, al cavallo ed ........alla mia squadra di curling, i Stone Cold dove ho il ruolo di lead.

Commenta con Facebook