Prima notte, 12 ore reparto Covid Monteggia IV piano. Purtroppo é tutto vero, stare 8 ore di fila in quei sarcofagi é allucinante. Ad un certo punto inizi a guardare l’ora ogni 10 minuti sperando che il cambio arrivi presto. E quando ti togli quella maledetta mascherina (pure la barba mi hanno fatto tagliare perché aderisca meglio) la prima boccata d’aria é violenta.

“Se sei niente senza il costume non dovresti averlo” [Spiderman homecoming]: ricordiamocelo sempre. Abbiamo delle armature splendenti per combattere il drago ma restiamo empatici. Avviciniamoci ai malati cerchiamo un contatto. Una delle immagini che mi porto a casa stamattina sono gli occhi spaventati dei pazienti che spuntano sotto la mascherina. Nolentemente diventati attori protagonisti della pandemia del 2020. Ricordiamocelo.

Da un grande potere derivano grandi responsabilità (sempre Spiderman, mio amore dall’età di 5 anni). Faccio il lavoro che amo e sono davvero fortunato a farlo. Certo mi piacciono più altre aree della medicina, ma ora é importante fare questo. Come dicevo con Irene, la mia compagna di guardia questa notte, noi siamo dei soldatini. Ma in un ospedale come questo il supporto di tutti é fantastico e anche i soldatini riescono a fare qualcosa. Almeno ci provano. Coppie di amici medici che non dormono più assieme così se si ammala uno l’altro prosegue a lavorare. Colleghi che si sono isolati dal resto della famiglia. Questo succede.

Ciao zio Piero. Perderti così é stata dura. Cerchiamo di dare un senso a queste cose. É davvero difficile. Ha forse ragione Camus a dire che forse è meglio per Dio che non crediamo in lui. La tua parte pubblica sarà ricordata sicuramente degnamente. Se chiudo gli occhi mi viene subito in mente la forza, la serenità e la pazienza con cui portavi la zia in giro in carrozzina. Per me é stato un esempio enorme.

Tante impressioni in questa notte. Monumentali i nostri infermieri. Testa bassa a lavorare, precisi e sul pezzo. Hanno anche la forza di sorridere mentre stanno cosí bardati. Grazie, rendete le cose possibili. E senza retorica chiedete loro quanto prendono al mese…rispetto
Non sta andando bene. Facciamo di tutto perché vada meglio. Grazie a Anto e alle bimbe, ai miei cari, ai colleghi e agli amici. É il mio piccolo modo per dire quanto siete importanti.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL GRUPPO WHATSAPP DI ESTREMECONSEGUENZE

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

ematologo - Policlinico di Milano

Commenta con Facebook