Mercoledì scorso avevo chiesto l’accesso remoto dal server aziendale per lavorare da casa da oggi: non ce n’è bisogno. Questa mattina alle 8 è stato comunicato che tutti i ristoranti oggi non riapriranno fino a tempo indeterminato. Ottimisticamente pensavo che ci fosse ancora qualche giorno di vita per chiudere l’attività in modo ordinato ma ieri il mio amico, nonché proprietario della catena, mi ha telefonato: le vendite di sabato erano circa il 35% in meno rispetto a sabato scorso e ieri a pranzo c’era il deserto ed il terrore negli occhi dei circa 1500 dipendenti. Gli stoccaggi di cibo fresco sono a disposizione dei dipendenti. Per le consegne dei fornitori semplicemente non ci sarà nessuno a riceverle. Sicuramente si poteva chiudere in modo più ordinato ma come già scritto, fino all’altro giorno la gente era ancora impegnata con l’orchestra e con le danze nel Titanic.

Si precipita ma penso che la velocità del volo sia inversamente proporzionale all’altezza del luogo di lancio: se si precipita veloci non ci si lancia da un kilometro ma da qualche centinaio di metri. Venerdì i ristoranti erano ancora in profitto, i giorni in perdita sono quindi due. Ora che almeno nella catena di ristorante tutto è chiuso, bisogna pensare a come riprendere il volo ed andare in quota…..ma di tempo per pensarci ne abbiamo.

Leggi il DIARIO AMERICANO

CLICCA QUI PER INSCRIVERTI AL GRUPPO WHATSAPP DI ESTREMECONSEGUENZE  

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

collaboratore

Francesco Leon, 40 anni. Per 8 anni ho co-guidato un importante gruppo industriale di famiglia fino a quando l'ultima crisi dell'edilizia ha indotto l'azienda a portare i libri in tribunale. Dal 2015 vivo a Omaha, Nebraska che considero l'ultimo baluardo del capitalismo in un paese civilizzato. Qui gestisco una serie di piccole attività: un’azienda di ingegneria in Italia e USA, un investimento immobiliare turistico in Sud America e collaboro alla gestione di una catena di ristoranti di un mio caro amico qui in USA. Il tempo libero lo dedico ai miei figli, ai viaggi, all'orticoltura, al cavallo ed ........alla mia squadra di curling, i Stone Cold dove ho il ruolo di lead.

Commenta con Facebook