Oggi terminiamo la seconda settimana di homebound instruction (la scuola da casa, ndr.). Secondo quanto comunicato, il giorno previsto di rientro a scuola è il 4 maggio e l’ultimo giorno di scuola è il 22 maggio…. Dubito che andrà così.

Ogni mattina i miei due bambini che frequentano la seconda e quarta elementare alla scuola pubblica Swanson ricevono due email: la preside ogni mattina manda un videomessaggio a tutti gli alunni e le maestre mandano i compiti in dettaglio per la giornata. Alcuni compiti vengono svolti con l’iPad della scuola (ad ogni bambino la scuola ne fornisce uno) come ad esempio gli esercizi di matematica.

 

 

Qui la maestra può vedere quanto tempo lo studente ha impiegato a fare gli esercizi e quanti ne ha fatti giusti. Altri invece sono scritti come letteratura e scrittura dove i bambini devono esprimere per iscritto i loro pensieri su un capitolo di un libro che viene assegnato da leggere. Lo scritto viene fotografato con l’iPad e poi viene caricato nell’App della scuola. Se ci sono problemi i genitori ricevono una email su cosa non va bene. Le lezioni speciali come musica, biblioteca e educazione fisica vengono anche fatte online.

Per educazione fisica ieri i bambini dovevano fare degli esercizi di yoga. Le lezioni di supporto vengono invece fatte dal vivo via cam: ad esempio mio figlio ha un piccolo problema di pronuncia di certe parole e questa settimana ha dedicato 30 minuti alla sua maestra di sostegno. I bambini in media sono occupati dalle 3 alle 5 ore al giorno……e questo è veramente un sollievo per noi genitori.

 

Gli insegnanti e lo staff della scuola hanno organizzato un carosello di auto per il quartiere per salutare i bambini a casa

 

 

LEGGI TUTTO IL DIARIO AMERICANO

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

collaboratore

Francesco Leon, 40 anni. Per 8 anni ho co-guidato un importante gruppo industriale di famiglia fino a quando l'ultima crisi dell'edilizia ha indotto l'azienda a portare i libri in tribunale. Dal 2015 vivo a Omaha, Nebraska che considero l'ultimo baluardo del capitalismo in un paese civilizzato. Qui gestisco una serie di piccole attività: un’azienda di ingegneria in Italia e USA, un investimento immobiliare turistico in Sud America e collaboro alla gestione di una catena di ristoranti di un mio caro amico qui in USA. Il tempo libero lo dedico ai miei figli, ai viaggi, all'orticoltura, al cavallo ed ........alla mia squadra di curling, i Stone Cold dove ho il ruolo di lead.

Commenta con Facebook