Gli italiani trascorreranno la Pasqua a casa. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, firma il Dpcm che proroga le attuali restrizioni fino al 13 aprile, giorno di Pasquetta. Anzi le restrizioni si fanno addirittura piu’ dure: anche agli atleti sara’ vietato allenarsi e non ci sara’ nessuna autorizzazione per far passeggiare i bambini. L’unica concessione per loro sara’ quella di poter accompagnare un genitore in una delle pochissime attivita’ consentite, ad esempio supermercato o farmacia. Questa la sintesi della conferenza stampa di questa sera del premier: “Non ci sono le condizioni per allentare le misure, vanificheremmo gli sforzi finora fatti”. Sugli aiuti che potranno venire dalla Ue, Conte, che oggi ha parlato con Ursula Von der Leyen, afferma che “il Mes, se snaturato e privo di condizionalita’, potra’ essere uno strumento”.

DPCM 1 aprile 2020

L’obiettivo principale dell’Italia rimane comunque sempre quello degli Eurobond: “Sugli Eurobond il vento in Europa sta cambiando rispetto alle posizioni rigoriste, refrattarie a valutare qualsiasi prospettiva di iniziative comuni europee forti, vigorose e coordinate”. Per il futuro Conte afferma che non ha senso parlare degli inizi di maggio per riaprire le porte alla normalità-. Un allentamento sarà possibile solo dopo avere ricevuto le necessarie indicazioni della comunita’ scientifica. “La fase 2 vedrà gli italiani convivere con il virus e una riduzione graduale dei divieti. La fase 3 sara’ quella dell’uscita dall’emergenza, della ricostruzione, del rilancio”. Sul futuro politico del Governo, Conte alle opposizioni, incontrate in mattinata a palazzo Chigi, dice: “Ognuno si assuma le proprie responsabilità“. Il premier “si attiene all’orizzonte di una legislatura”.

TUTTI I DECRETI DELL’EMERGENZA 
 

 

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:
La redazione di Estreme Conseguenze.