Tamponi effettuati con molto ritardo, insufficienza o totale mancanza dei dispositivi di protezione individuale a partire dalle mascherine avrebbero messo a rischio la salute e la incolumità degli operatori sanitari negli ospedali veneti messi a dura prova dell’emergenza Covid. Lo denuncia l’Anaao-Assomed (uno dei sindacati più rappresentativi dei medici) del Veneto. Il sindacato tradotto i suoi addebiti in un esposto indirizzato ai carabinieri del Nas di Padova che qui potete leggere: diciotto pagine fitte fitte vergate dal segretario generale del Veneto Adriano Benazzato.

 

Non più tardi della giornata di ieri il testo dell’esposto (che è datato 8 aprile peraltro) sarebbe giunto all’attenzione della giunta regionale a palazzo Balbi a Venezia mandando in fibrillazione non solo l’esecutivo ma un pezzo della politica regionale. «Anaao-Assomed – si legge nel testo – in relazione ai casi di infezione da SARS-CoV-2 contratti da medici, infermieri e operatori… e esercenti la professione sanitaria verificatisi nella Regione Veneto, lamenta e denuncia la grave violazione delle norme antinfortunistiche e la grave violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro». Si tratta di parole che pesano come pietre in forza delle quali il sindacato chiede ai carabinieri di valutare la violazione di fattispecie amministrative e penali eventualmente in capo ai direttori generali delle aziende sanitarie presenti sul territorio veneto. In termini più generali il sistema sanitario veneto, seppur alcune curve siano in discesa, rimane in allerta: l’ultimo bollettino aggiornato alla mattinata di oggi 18 aprile parla di un totale di 15.600 contagi da Covid-19 (il dato riguarda chiaramente solo i tamponi effettuati e riguarda i contagiati dall’inizio della epidemia) nonché di un totale di 1.060 decessi. A questi dati va aggiunto il numero dei soggetti oggi attualmente positivi che è pari a 10.444.

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

Giornalista

Marco Milioni, classe 1973, è giornalista pubblicista dal 2002. È stato per molti anni firma fissa de Il Gazzettino e corrispondente da Vicenza per Radio Rtl Venezia ed Rtl 102,5. Ha all'attivo collaborazioni con Alganews.it, Globalist.it, Il Fatto quotidiano, Canale 68 Veneto, Vicenzapiu.com, Radio Vicenza, Vvox.it e con il gruppo Citynews.

Commenta con Facebook