Quando sono venuto ad Omaha nel 2015 la disoccupazione era zero cioè sotto il fisiologico 3%. Praticamente chi non lavorava era un emarginato (drogato, affetto da problemi psichici, alcolizzato o criminale) od un miliardario. Ad ogni angolo della città compariva la scritta “hiring”, “si assume”, alla radio almeno ogni ora si pubblicizzava la campagna di assunzione di questa o quella ditta, i benefit e gli incentivi per evitare il turnover erano davvero allettanti.

Ad i miei amici sempre dicevo: “Se mi serve un lavoro, qualsiasi lavoro, in media ad Omaha in 8 ore ne trovi uno”. Tutto è finito. Open Door Mission è un’organizzazione caritatevole della chiesa Evangelica molto importante in questa comunità. Oggi questa organizzazione funge da banco alimentare: la gente dona cibo o soldi e l’organizzazione distribuisce il tutto ai bisognosi. Anche qui ora abbiamo il Drive Thru della carità dove i bisognosi in coda in macchina aspettano il loro turno ed i volontari riempiono i bagagliai di derrate alimentari per una settimana. Questa è l’America oggi.

 

LEGGI TUTTO IL DIARIO AMERICANO

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

collaboratore

Francesco Leon, 40 anni. Per 8 anni ho co-guidato un importante gruppo industriale di famiglia fino a quando l'ultima crisi dell'edilizia ha indotto l'azienda a portare i libri in tribunale. Dal 2015 vivo a Omaha, Nebraska che considero l'ultimo baluardo del capitalismo in un paese civilizzato. Qui gestisco una serie di piccole attività: un’azienda di ingegneria in Italia e USA, un investimento immobiliare turistico in Sud America e collaboro alla gestione di una catena di ristoranti di un mio caro amico qui in USA. Il tempo libero lo dedico ai miei figli, ai viaggi, all'orticoltura, al cavallo ed ........alla mia squadra di curling, i Stone Cold dove ho il ruolo di lead.

Commenta con Facebook