Nel giorno dedicato alla festa del lavoro (che non c’è più per molti e che per molto tempo ancora non ci sarà…), riceviamo da Guido Robustelli e volentieri pubblichiamo la lettera-appello di Slow music. “Basta parole, urgono fatti”, per la musica come per il cinema (a cui EstremeConseguenze ha dedicato un servizio con la testimonianza Cinema da clausura). Non solo appelli e silenzi, passiamo ai fatti. Solidarietà, sostenibilità, nuova economia e visione per il futuro.

1- SOLIDARIETÀ

Fornire un sostegno a tutti i lavoratori dello spettacolo, non solo chiedendo sgravi fiscali reali e sostegni economici allo Stato ma suggerendo ai produttori e agli artisti di utilizzare arte della liquidità generata dal pubblico attraverso la prevendita dei biglietti per i concerti della stagione estiva 2020 che sono stati riprogrammati o saranno recuperati nell’estate 2021.

Tra i settori più colpiti dal Covid-19 c’è quello della musica popolare contemporanea, un settore di cui spesso si conoscono soltanto i volti dei cantanti più noti ma che è invece rappresentato soprattutto da decine di migliaia di persone dalle diverse professionalità e responsabilità ma della stessa rilevanza umana di chi più fortunato di loro sta sul palco. Queste persone, spesso freelance e partita IVA, non hanno accesso alla cassa integrazione e alcune di loro per svariati motivi non ha neanche potuto accedere al sussidio statale di 600 euro che ci auguriamo diventi mensile e ricorrente, persone che in questo momento hanno perso il lavoro e il sostentamento economico necessario anche alle loro famiglie.

Stiamo parlando, solo a titolo esemplificativo e non esaustivo, di tecnici, fonici, attrezzisti, backliner, autisti, addetti al carico e scarico, rigger, addetti al catering, sartoria o al controllo degli spazi, musicisti, ballerini, attori e tanti altri ruoli senza i quali uno spettacolo non avrebbe il significato che ha e non potrebbe svolgersi.

È pensando a tutte queste persone e professionalità che Slow Music condivide e fa sua, rilanciandola con convinzione, la proposta lanciata da Enrico Ruggeri in rete  di dare un anticipo rilevante a tutte le maestranze utilizzando  parte della  grande quantità di denaro già incassato più che legittimamente dai principali  artisti e  promoter italiani con la prevendita dei biglietti per i grandi concerti, nelle grandi arene e negli stadi, previsti per la stagione estiva e riprogrammati al prossimo anno (in qualche caso anche oltre): si tratta di una somma di notevole entità, secondo un calcolo empirico qualcuno dice superiore ai 100 milioni di euro. Soldi, sia chiaro, incassati e trattenuti legittimamente.

Crediamo che mai come in questo momento sia auspicabile, per non dire necessario, applicare nei limiti del possibile principio di solidarietà concreta, effettiva ed immediata per molti componenti del mondo del lavoro. Non un gesto benefico, né caritatevole, ma solo un’anticipazione di spettanze comunque dovute.

Crediamo che mai come in questo momento sia auspicabile, per non dire necessario, applicare nei limiti del possibile principio di solidarietà concreta, effettiva ed immediata per molti componenti del mondo del lavoro. Non un gesto benefico, né caritatevole, ma solo un’anticipazione di spettanze comunque dovute.

2- SOSTENIBILITÀ

Far ripartire lo spettacolo live: volendo si può!

Nella piena convinzione che un lungo stop della musica e di tutto il mondo dello spettacolo siano deleteri non soltanto sotto l’aspetto economico contribuendo a deprimere ulteriormente e non certo a sostenere l’animo umano, Slow Music propone anche di considerare l’ipotesi di ripartire in tempi rapidi con gli show dal vivo, siano essi concerti, spettacoli teatrali o qualsiasi altro tipo di performance artistica.

Crediamo sia possibile farlo rispettando le regole che verranno stabilite e concordate, anche relativamente ai flussi di ingresso e di uscita dagli spazi, non solo quindi riguardo al distanziamento fisico.

Siamo consapevoli che gli spettacoli dovranno essere organizzati in modo da non mettere in pericolo la salute degli spettatori e che per molti mesi ancora non sarà possibile partecipare ad eventi di massa come i concerti negli stadi, dove il pubblico (in parte) debba stare in piedi e senza un posto assegnato.

Ma siamo anche consapevoli che si possano definire, di concerto con le autorità, modalità con cui poter tenere spettacoli di qualsiasi genere, in qualsiasi spazio, se il pubblico sarà tracciabile e avrà un posto preliminarmente assegnato, a sedere e nel rispetto della distanza necessaria, per consentire di organizzare e regolamentare i controlli necessari all’entrata e il deflusso sicuro all’uscita.
Gli spazi potranno essere di svariate dimensioni e caratteristiche, non escludendo teatri, palazzi dello sport, ville, castelli, arene all’aperto, club e quanto altro possa essere ridisegnato con le straordinarie capacità italiane, con il cuore e con la ragione.

Per fare questo, in più abbiamo due straordinari vantaggi “italiani” che è bene tenere presenti:

1) la legge in vigore relativamente ai biglietti nominali per i concerti negli spazi con oltre 5000 posti di capienza, dovrebbe avere applicato un immediato decreto che ne allarghi l’obbligatorietà a tutti i generi di spettacolo e non solo alla musica pop, e a tutte le capienze, garantendo la tracciabilità necessaria alle persone per la loro stessa sicurezza;

2) nel nostro Paese è in vigore una delle migliori normative mondiali relativamente alla sicurezza degli spazi per lo spettacolo, che ha generato un livello di professionalità delle maestranze straordinario e un’attenzione alle regole certificata anche dai documenti fondativi delle associazioni di categoria (AGIS, Assomusica e altre).

3- NUOVA ECONOMIA

Ridisegnare l’economia degli spettacoli

È evidente che si dovrà ricalibrare l’economia generale e particolare di questi spettacoli e che tutte le parti in causa, da chi sta sul palco, a chi carica e scarica le attrezzature, dovranno adeguarsi ad una diversa economia, che alimenti tuttavia la vita, sia economicamente, sia psicologicamente.

Ed è anche sulla base di queste considerazioni che Slow Music ritiene indispensabile che siano ristabilite nuove forme di collaborazione con i territori e le istituzioni locali, orfani di proposte culturali e d’intrattenimento, realizzando progetti culturali da gestire insieme, che rilancino i concerti e ogni forma di spettacolo.

4- UNA NUOVA VISIONE PER IL FUTURO

Il Futuro

Riteniamo infine indispensabile usare questo periodo per riconsiderare e quindi ridisegnare il futuro dell’intero comparto della musica dal vivo, convinti come siamo che sia necessario tornare all’essenza e alla profondità comunicativa della musica. Di questo sarà necessario poter parlare una volta superata l’emergenza sanitaria, per poter provare a iniziare una nuova era di Bellezza e condivisione e non tornare alla mediocrità del consumo acritico e indirizzato che ha svilito e impoverito culturalmente ed economicamente le persone.

Del resto, Slow Music è nata anche per questo, per promuovere un diverso orientamento etico nei confronti della materia musicale, ricercare la profondità del suo scopo primario, riflettere sui modi in cui la si fa, se ne usufruisce, la si distribuisce, la si rappresenta, la si diffonde e la si ascolta, da soli o in compagnia.

(Ph La violinista – Chagall)

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

Redazione EstremeConseguenze

La redazione di Estreme Conseguenze.

Commenta con Facebook