Mascherina obbligatoria, sì o no? E per l’asporto? E per le seconde case? Ha un bel predicare il premier Giuseppe Conte, quando dice che i provvedimenti locali meno restrittivi delle misure di sicurezza previste dai Dpcm sono illegittimi. In punta di cavillo, sono diverse le Regioni che sono entrate nella Fase due a passo più spedito di altre che hanno sposato una linea più prudente. E la fuga in avanti non dipende dai dati sullo stato dell’epidemia nel territorio che ieri, 3 maggio, vigilia dell’entrata in vigore del nuovo decreto, era questo:

Vediamo le decisioni delle giunte regionali su mascherine, spostamenti, attività e libertà seguendo l’ordine decrescente per numero di decessi.

LOMBARDIA: Obbligo di mascherina all’aperto ma possibilità di raggiungere le seconde case nel territorio regionale per opere di manutenzione, come sono possibili  i lavori di manutenzione e riparazione per barche e natanti, con la possibilità di navigazione in solitaria. Possibilità di pratica sportiva su tutto il territorio comunale e, per le attività,  studi professionali, cartolerie, librerie, fiorai. Ripartono anche i maneggi, l’attività di addestramento dei cani e la pesca (sportiva e non) in tutto il territorio della Regione. Per la spesa fuori dal proprio comune dipense dalle ordinanze locali.

EMILIA ROMAGNA: La provincia di Piacenza cessa di essere “zona arancione” e torna a godere delle norme valide su tutto il territorio nazionale e/o regionale. E’ possibile recarsi da soli nelle seconde case per le attività di manutenzione. E’ possibile praticare l’allenamento e l’attività motoria e sportiva all’aperto, solo in forma individuale. Riapertura di parchi e giardini (ma non le spiagge), biblioteche (per la sola attività di prestito, non di consultazione) e cimiteri. Consentito l’asporto da ristoranti e bar solo su prenotazione. Possibilità di fare la spesa in un comune diverso da quello di residenza.

PIEMONTE: Obbligo di mascherina in tutti i luoghi chiusi, si torna a passeggiare all’aria aperta, accesso libero nei parchi, via libera alla ristorazione da asporto ma un’ordinanza del sindaco di Torino, Chiara Appendino farà aspettare il capoluogo piemontese fino al 9 maggio per la ristorazione da asporto. Consentito raggiungere le seconde case per lavori di manutenzione. Via libera anche ai maneggi e agli allenamenti equestri.

VENETO: L’ordinanza della Regione Veneto prevede l’obbligo dell’utilizzo della mascherina e dei guanti quando si esce dalla propria abitazione. Inoltre saranno possibili, all’interno dei confini regionali, gli spostamenti verso e dalle seconde case con la sola giustificazione della manutenzione. La stessa disciplina si applica anche per i camper e vale per proprietari e i locatari. Nella nuova ordinanza regionale è consentita anche la navigazione. Si potrà impiegare la barca anche per la pesca. Per quanto riguarda le biblioteche è stata autorizzata la loro apertura per la sola modalità del prestito.

LIGURIA: Si può andare in barca e in coppia, purchè conviventi. Sono autorizzate le passeggiate a cavallo, la pesca sportiva nelle acque interne e in mare, purche´ci si mantenga lungo i moli. Consentiti allenamento e addestramento di cavalli e cani. Oggi riaprono le fabbriche e gli uffici professionali. Via libera anche alla spesa fuori comune. Mascherina obbligatoria solo nei luoghi chiusi, come da Dpcm.

MARCHE: Permessi gli spostamenti per il raggiungimento di natanti per la loro manutezione e possibilità di navigazione in due. Possibilità di svolgere attività fisica nel territorio comunale di residenza e spostamento all’interno del territorio regionale per lo svolgimento in forma amatoriale di attività di pesca sportiva, comprese le attività subacquee. Possibile l’attività equestre e l’allenamento di cani, oltre alla caccia per il controllo della fauna. Possibile il raggiungimento delle seconde case. Al via l’asporto di cibo e bevande.

TOSCANA: In Toscana è consentito l’addestramento e l’allevamento di cavalli e cani, con obbligo di rientro in giornata presso la propria abitazione. È permessa l’apertura degli esercizi di toelettatura di animali. Inoltre è consentito l’uso di imbarcazioni per attività sportiva e per la pesca amatoriale ad un massimo di due persone con rientro all’ormeggio in giornata. Sono state autorizzate tutte le attività necessarie a garantire la filiera della manutenzione e rimessaggio delle imbarcazioni da diporto quali, ad esempio, l’alaggio delle imbarcazioni o lo spostamento al cantiere all’ormeggio e viceversa. Possibile l’asporto, ma solo su prenotazione. Mascherina obbligatoriaper uscire di casa.

LAZIO: Vietato lo spostamento nelle seconde case. Consentito lo spostamento provinciale per l’attività motoria, regionale per praticare la pesca amatoriale. Mascherina obbligatoria solo nei luoghi chiusi. Oltre alle attività consentite dal Dpcm del 26 aprile, riprendono il lavoro anche i restauratori e le attività di allevamento e di addestramento di animali assicurando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Sì alla vendita di cibi e bevande da asporto.

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO: No al rientro nelle seconde case e possibili spostamenti solo all’interno del territorio comunale, tranne che per raggiungere l’orto. Attività motoria consentita solo a piedi, ma con il partner o un famigliare, non in bicicletta. Sì all’asporto.

PUGLIA: Al via il protocollo di sicurezza per chi si ricongiungerà con la famiglia: obbligo di avvisare la struttura sanitaria di riferimento e di quarantena. Sì alla manutenzione alle seconde case e delle barche. Oltre all’attività motoria, è consentita anche la pesca amatoriale. Consentita la ristorazione da asporto.

CAMPANIA: Al via il protocollo di sicurezza per chi rientra in regione, con obbligo di avvisare la strauttura sanitaria e di quarantena. Divieto di spostarsi nelle isole se non per inderogabile necessità. Attività motoria permessa solo la mattina presto e la sera dopo le 19 e 30 e non nei parchi. Mascherina solo nei luoghi pubblici. No alla ristorazione da asporto, ma solo a domicilio.

ABRUZZO: Obbligo di mascherina quando si esce di casa e no al raggiungimento delle seconde case. Al via il protocollo di sicurezza per chi rientra da altre regioni, con quarantena. Ristorazione da asporto permessa solo previa prenotazione.

 FRIULI VENEZIA GIULIA: Obbligo di mascherina quando si esce di casa.Possibilità di accedere ai locali di qualsiasi attività, comprese quelle sospese, per lo svolgimento di lavori di vigilanza, manutenzione, pulizia e sanificazione, nonché per la ricezione in magazzino di beni e forniture.Il permesso di svolgere attività di manutenzione e riparazione, precedentemente limitato alle imbarcazioni, viene allargato agli immobili diversi dall’abitazione principale, alle biciclette, ai camper, alle roulotte e ai velivoli. Per quanto concerne l’attività motoria, permane il vincolo delle distanze di sicurezza e il divieto a utilizzare gli spogliatoi, ma decade l’obbligo di non uscire dal proprio Comune di residenza e di utilizzare le mascherine (o una protezione per naso e bocca) nei luoghi isolati. Sì anche alla pesca sportiva. Ristorazione da asporto su prenotazione.

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO: Mascherina obbligatoria quando si esce di casa. Ok agli spostamenti entro i confini regionali in caso di necessità. Oltre che per lavoro, salute o visita a congiunti, è possibile spostarsi anche per studio. Si ribadisce l’autorizzazione alla frequentazione di parchi pubblici e all’attività motoria all’aperto – fra cui jogging, bicicletta e pesca sportiva – sempre rispettando una distanza di 3 metri e le misure di prevenzione. Sì alla ristorazione da asporto.

SICILIA: Via libera agli spostamenti per raggiungere le case estive ma divieto di uscire dalla regione. Per chi rientra per ricongiungersi alla famiglia, non potrà muoversi dall’isola fino al 17 maggio. Possibilità, da parte di bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie e pub, non solo di consegna a domicilio ma anche di asporto con il divieto di consumare nei locali e nelle adiacenze, anche di domenica. Mascherine obbligatorie solo nei luoghi pubblici chiusi.

VALLE D’AOSTA: Sì al raggiungimento delle seconde case per manutenzione e ripresa degli allentamenti, anche in coppia, per le guide alpine. Consentito il noleggio di biciclette. Mascherine obbligatorie come da Dpcm.

SARDEGNA: A partire dall’ 11 maggio 2020 nei comuni con parametro dell’indice di trasmissibilità R uguale 0 inferiore a 0,5, il Sindaco, con propria ordinanza, potrà consentire la riapertura dei saloni di parrucchieri, estetisti e tatuatori. E’ consentito lo svolgimento della Santa Messa con l’osservanza degli obblighi di distanziamento, divieto di assembramento, l’obbligo di indossare le mascherine. Sì allo spostamento verso le seconde case anche con la famiglia solo per manutenzione. Sì alla ristorazione da asporto.

CALABRIA: Il comune di Torano Castello resta zona aracione. Al via la procedura di sicurezza per i rientri, con obbligo di avvisare la struttura sanitaria e di quarantena. È consentita la ripresa delle attività di ristoranti, pizzerie, rosticcerie per la preparazione dei relativi prodotti da effettuarsi a mezzo asporto. È consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto. Obbligo di mascherina come da Dpcm.

UMBRIA Nessuna ordinanza

BASILICATA: Mascherina solo nei luoghi pubblici chiusi, sì al raggiungimento delle seconde case per manutenzione, sì agli spostamenti per la cura la cura dei poderi, raccolta asparagi selvatici e caccia nei comuni confinanti. Passeggiate con sostamenti su tutto il territorio regionale. Consentita la ristorazione da asporto.

MOLISE: Al via il protocollo di sicurezza per chi rientra in regione, con obbligo di avvisare la strauttura sanitaria e di quarantena. Permesse caccia e pesca tra congiunti ma con mascherina. Mascherina obbligatoria nei luoghi pubblici chiusi. Al via ristorazione da asporto.

(Ph Metamophosis doubt – Miao Xiaochun)

Leggi altri articoli sulle ORDINANZE

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:
La redazione di Estreme Conseguenze.

Commenta con Facebook