È una cronaca macabra quella che esce dalle denunce che alcuni infermieri del Pio Albergo Trivulzio hanno presentato alla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano.

Essendo al PAT morte 400 persone, qualsiasi sintesi ci sembrerebbe riduttiva. Tanto più dopo che il virologo Fabrizio Pregliasco, chiamato ad aprile a gestire la supervisione scientifica dell’emergenza al Pio Albergo Trivulzio, si è permesso, con la complicità dell’HuffingtonPost, di definire l’inchiesta ‘panna montata’ e le denunce presentate ‘demenziali’.

Diamo quindi alle lettrici e ai lettori la possibilità di leggere nel dettaglio della disorganizzazione, della mancata fornitura dei DPI, ma persino dell’indicazione a non utilizzarli per non spaventare i degenti.

Una nota finale, EstremeConseguenze non è per i processi mediatici, ma è indubbio che il PAT ha deciso di muovere un’offensiva mediatica contro i parenti delle vittime, al suo fianco si è trovato come inedito alfiere Mattia Feltri, La Stampa e l’HuffingtonPost, noi siamo ben lieti di stare dall’altra parte, dando, come sempre, spazio e voce a chi non ce l’ha.

LEGGI LA DENUNCIA 1

LEGGI LA DENUNCIA 2

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

Giornalista

Paolo Verri bolognese di nascita e da quasi 20 anni milanese di adozione. Si è trasferito in Lombardia con la scusa dell'università e lavora come giornalista per un'agenzia di stampa da una quindicina d'anni. Ha collaborato anche con agenzie internazionali e con diverse radio, tv e quotidiani come Il Giorno e le testate del gruppo QN e quelle del gruppo Messaggero. Si occupa soprattutto di cronaca giudiziaria e nera, ma da sempre ha la testa e il cuore in giro per il mondo.

Commenta con Facebook