Ieri la catena di supermercati del Midwest Hy-Vee ha limitato gli acquisti di manzo e maiale. Quindi io ad Omaha, città al confine tra Iowa, primo produttore di carne di maiale d’America, e Nebraska, primo produttore di carne bovina d’America, potrò fare acquisti di carne contingentati. Nelle ultime settimane non solo le infezioni negli stabilimenti sono esplose ma addirittura ci sono stati i primi decessi di lavoratori (l’ultimo a Lincoln, Nebraska). Wendy’s, nota catena di fast food, ieri ha annunciato che il 30% dei suoi ristoranti è a secco di carne di manzo.

 

Il prezzo della carne al dettaglio sta salendo con punte del +20% mentre il prezzo del bovino è in picchiata (chi compra una mucca da macello se non si riesce a macellarla?). Trump ha dettato un’ordinanza ai macelli di rimanere aperti ma i lavoratori tremano ed alcuni addirittura non si presentano più al lavoro. I familiari dei lavoratori manifestano fuori dagli stabilimenti. Forse il prossimo step sarà l’invio della Guardia Nazionale in fabbrica a sostituire gli operai. Oppure diventeremo tutti vegetariani in Nebraska!

 

 

Leggi tutto il DIARIO AMERICANO

 

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

collaboratore

Francesco Leon, 40 anni. Per 8 anni ho co-guidato un importante gruppo industriale di famiglia fino a quando l'ultima crisi dell'edilizia ha indotto l'azienda a portare i libri in tribunale. Dal 2015 vivo a Omaha, Nebraska che considero l'ultimo baluardo del capitalismo in un paese civilizzato. Qui gestisco una serie di piccole attività: un’azienda di ingegneria in Italia e USA, un investimento immobiliare turistico in Sud America e collaboro alla gestione di una catena di ristoranti di un mio caro amico qui in USA. Il tempo libero lo dedico ai miei figli, ai viaggi, all'orticoltura, al cavallo ed ........alla mia squadra di curling, i Stone Cold dove ho il ruolo di lead.

Commenta con Facebook