Quarto appuntamento di ‘Working Women Winning’, che per l’occasione si apre ad un ospite al maschile: il professor Andrea Giuricin, docente di Economia dei Trasporti all’Università Bicocca di Milano e Ceo TRA consulting. A moderare il dibattito, che si terrà dalle 17 alle 18 su YouTube, l’avvocato Susanna Carinci dello studio Carinci di Bologna, in rete con lo studio Lab Law Failla, Rotondi & Partners.

Il settore autotrasporto, fin da principio della pandemia, ha continuato l’attività svolgendo una funzione vitale per approvvigionare gli italiani di generi alimentari e prodotti farmaceutici e sanitari. Forse, anche per questo motivo, il governo non pare aver preso in particolare considerazione il settore, valutando in maniera marginale la necessità di interventi diretti a sostegno della categoria. Tanti autotrasportatori, però, presentavano i sintomi del covd-19. E anche dopo la quarantena, le sfide per la Fase 2 e la Fase 3 sono tante. L’internazionalizzazione delle aziende di trasporto che può migliorare la competitività dell’Italia nei confronti dei mercati concorrenti, la continuità territoriale con Sicilia e Sardegna, il rilancio del Mezzogiorno che può favorire l’ampliamento del mercato di riferimento per il Nord Italia. Trai punti chiave per la ripresa, anche la sostenibilità ambientale di polveri sottili inquinanti, in ottemperanza alla Direttiva Europea, mediante la combinazione di vari sistemi di trasporto delle merci. Lo stesso ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, il 6 aprile scorso elencava 24 punti critici per l’attività dei trasporti. Una lista lunga ma che non esauriva tutte le criticità. Tra le richieste emerse nel corso della quarantena, anche quella di derogare i tempi di guida e di riposo, sostenuta da Paolo Uggè, vice-presidente di Conftrasporto, e contrastata da Marco Odone, segretario nazionale di Uiltrasporti.

Sono tanti anche i temi caldi che il settore dei trasporti dovrà affrontare nelle prossime settimane.Mascherine, Dpi, sicurezza nei luoghi di carico-scarico. Sono solo alcuni dei punti chiave che il settore dei trasporti dovrà affrontare.  Per la ripartenza, sono stati previsti incentivi per 50 milioni di euro per il rifinanziamento delle misure ‘marebonus’ e ferrobonus’, destinati alle aziende del trasporto per favorire servizi di trasporto combinato e intermodale nei nodi logistici e portuali. In altri paesi europei, però, le soluzioni sono state diverse.

Di questo e di tanti altri temi parleranno il professor Andrea Giuricin e l’avvocato Susanna Carinci, seguiteli:

https://www.youtube.com/watch?v=gHvcnk_Khps

 

Torna alla Home Page di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al gruppo Whatsapp di Estreme Conseguenze

Clicca qui per iscriverti al canale Telegram di Estreme Conseguenze

Condividi questo articolo:

Giornalista

Paolo Verri bolognese di nascita e da quasi 20 anni milanese di adozione. Si è trasferito in Lombardia con la scusa dell'università e lavora come giornalista per un'agenzia di stampa da una quindicina d'anni. Ha collaborato anche con agenzie internazionali e con diverse radio, tv e quotidiani come Il Giorno e le testate del gruppo QN e quelle del gruppo Messaggero. Si occupa soprattutto di cronaca giudiziaria e nera, ma da sempre ha la testa e il cuore in giro per il mondo.

Commenta con Facebook