Stop agli interventi chirurgici programmati in Lombardia, fatto salvo ovviamente le urgenze. L’esplosione del contagio e soprattutto dei ricoveri riporta la sanità lombarda alle settimane di marzo, se non peggio in termini di carico di lavoro su medici e infermieri.

Con una circolare la Regione ha previsto il rinforzo dell’ospedale Covid in Fiera che al momento ha 14 posti letto di terapia intensiva. Può arrivare fino a 221 pazienti ma, dicono da Palazzo Lombardia, si può arrivare in breve tempo a 53 posti.

Il problema è il personale. Che non potrà essere tutto del Policlinico di Milano a meno di svuotarlo di camici. Ecco perché il piano regionale andrà a pescare da tutti gli ospedali.

Per ora attivati Policlinico, Niguarda, San Gerardo Monza, San Matteo Pavia, Varese, Legnano/Busto, Humanitas. Già in preallarme per una fase successiva Lecco, Como, Gruppo San Donato e Cremona.

Ogni posto letto in Fiera ha bisogno di un rianimatore e di tre infermieri.

I posti di terapia intensiva in Fiera non sono però ‘aggiuntivi’ rispetto al piano regionale di emergenza: sono già tra quelli contati.

PUBBLICITÀ

Alla Lombardia mancano 463 posti letto di terapia intensiva.

Prima di marzo in tutta la regione c’erano 861 posti letto di terapia intensiva.

Stando alle indicazioni del Governo se ne dovevano aggiungere almeno 555.

Ad oggi ne sono stati aggiunti 112: sono 463 in meno rispetto all’obiettivo.

Regione Lombardia ha affermato che, con varie rimodulazioni di ulteriore emergenza, si potrebbe arrivare a 1.500 posti in totale. Ma resta il problema del personale. Secondo la FNOPI in Lombardia mancano almeno 3mila infermieri (53mila a livello nazionale). Lo scorso marzo sono stati richiamati in turni Covid medici di ogni specialità, come gli ematologi o i radiologi. Turni anche di dieci ore che non possono durare più di 30/40 giorni.

Anche perché il piano di riorganizzazione regionale prevede come tempistica per un ritorno alla normalità degli organici nei singoli ospedali (e quindi la ripresa delle attività programmate e di prevenzione) il mese di aprile 2021.