0 7 minuti
Estreme Conseguenze
Ordigno collocato dal gruppo terroristico di estrema destra Ordine Nuovo. Noi, EstremeConseguenze, oggi deponiamo diciotto mazzi di fiori
Di / Redazione

E così siamo a 50 anni, 50 anni dalla strage di Stato di Piazza Fontana a Milano. Strage di Stato perché uno Stato che in mezzo secolo non riesce a trovare i colpevoli della bomba del 1969 che uccise 17 persone è connivente. E non lo è moralmente, lo è nei fatti perché lo Stato obbligò i magistrati a fermarsi davanti al “segreto di Stato”, che è la formula con la quale lo Stato nega sé stesso, nega il diritto di sapere la verità, nega lo Stato di diritto.

Ordine Nuovo è l’organizzazione eversiva, se vi piacciono le definizioni light, oppure, se preferite la cruda verità, l’organizzazione che nel 1973 venne sciolta perché ricostruiva il disciolto Partito Nazionale Fasciata, quello del dittatore Benito Mussolini, per uscire di metafora, i fascisti. Ordine Nuovo sono quelli che quella bomba hanno messo.

Ricordate “Brescia, Bologna, Piazza Fontana, mano fasciata, regia democristiana”? Lo slogan che si urlava nelle manifestazioni agli anniversari delle stragi della “notte della repubblica”?

Ecco, i fascisti erano quelli di Ordine Nuovo, la regia democristiana era il “segreto di Stato”.

Nomi e cognomi di chi la bomba l’ha messa? Lasciamo stare, li abbiamo assolti nelle nostre aule di tribunale cui appunto era stata messa la vergognosa sordina del segreto di Stato. Non pensiamoci più. È storia. Una gran brutta storia.

Le 17 vittime di quella bomba fascista ricordiamole, ricordiamole per nome ché erano persone, padri, madri, figlie e figli: Giovanni Arnoldi, Giulio China, Eugenio Corsini, Pietro Dendena, Carlo Gaiani, Calogero Galatioto, Carlo Garavaglia, Paolo Gerli, Luigi Meloni, Vittorio Mocchi, Gerolamo Papetti, Mario Pasi, Carlo Perego, Oreste Sangalli, Angelo Scaglia, Carlo Silva e Attilio Valè. C’è poi la diciottesima vittima, l’anarchico Giuseppe Pinelli.

In piazza Fontana ci sono due lapidi che ne ricordano la morte. Una della città di Milano che dice: “innocente morto tragicamente nei locali della questura” e l’altra, quella firmata dagli studenti e dai democratici del capoluogo che recita: “ucciso innocente nei locali della questura di Milano”.

Noi i fiori oggi li poniamo ai piedi di questa seconda lapide, perché Pinelli non è caduto, ma è stato spinto, e sotto quella che ricorda gli altri 17 morti per mano fascista, ché le bombe esplodono, ma c’è chi le mette, gli assassini in camicia nera, in questo caso qui.

Le vittime della bomba del 12 dicembre 1969 furono 17. Il 15 dicembre morì il ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli, accusato ingiustamente.

Le vittime 

Carlo Garavaglia

67 anni, pensionato, vedovo con una figlia sposata , nonno di Elisabetta di 4 anni, si recava spesso al mercato di piazza Fontana per combinare qualche piccolo affare come mediatore.

 

Gerolamo Papetti

78 anni, di Rho, agricoltore. Fra gli abituali frequentatori di piazza Fontana, è stato colpito dall’esplosione mentre era in banca con il figlio Giocondo.

Mario Pasi

50 anni, geometra, abitante in via Mercalli a Milano. Svolgeva la professione di amministratore di stabili e fondi.

Giulio China

57 anni, di Novara, era fra i più quotati operatori agricoli della…

ALTRE STORIE

Strage di Bologna: “Sono stati i Nar!”. E spunta Pecorelli
“Non conosco nessun civile, nessun oppositore politico, né un oppositore

UNA MEMORIA SENZA STORIA


William Beccaro

Abbiamo aderito senza remora alcuna alla battaglia giusta, anzi doverosa, affinché la città Medaglia d’oro della Resistenza, Milano, avesse un museo degno di questo nome a serbare la memoria e la storia di chi ci ha liberati, anche con il sacrificio della vita, dal nazifascismo. Lo abbiamo fatto senza se e senza ma, perché la Casa della Memoria ai piedi del Bosco Verticale, poco aveva a che fare con la monumentale storia che aveva a ricordare. La Germania, che condivide con noi l’onta di aver dato i natali al nazifascismo, ha saputo affrancarsi da quella storia anche dando alla memoria spazi importanti e più importanti sono quelli dedicati alla Shoa, allo sterminio degli ebrei. Monumenti e musei si impongono come sentinelle non solo della storia che fu, ma anche monito di quello che non si vuole più che sia, quel che si vuole che non si ripeta. Tra tanti pegni alla memoria, la conservazione dei campi di sterminio nazisti è sicuramente la più efficace. Camminare in quei luoghi che sono più che morte, obbliga a un’esperienza emotiva che vale mille e mille racconti e spiegazioni. Il turbamento che si prova tra le baracche di legno è un’impareggiabile lezione. E sicuramente non è un caso che la canaglia nazista, nell’abbandonare i luoghi del genocidio, li distruggeva, ne cancellava vergognosa le tracce, le responsabilità. Perché

Leggi di più

Video


DISTURBARE IL MANOVRATORE
I bravi colleghi de Il Messaggero, Italo Carmignani e Alvaro Fiorucci, raccontano oggi sulle pagine del foglio romano che da
Leggi di più
EDITORIA DELLE BANANE
Quindi da domani che quotidiano comprerete? O meglio: il quotidiano di chi comprerete? Lo sappiamo, per lo più non comprerete
Leggi di più
PAOLO BORROMETI, UNO DI NOI, UNO DI VOI
Che cos’hanno in comune Daphne Caruana Galizia e Paolo Borrometi, la giornalista uccisa a Malta, e per l’omicidio della quale
Leggi di più


IL CORPO NERO
Estreme Conseguenze

Andi Nganso è medico, ideatore del Festival DiverCity. Questo il suo intervento a CasaComune, Milano, 30 Novembre, Anteo, che pubblichiamo. 

Per costruire il futuro sul tema della Cittadinanza, dobbiamo in primis fare un’ autocritica di…

LA LISTA
Estreme Conseguenze

36.570 vittime dal 1993. Ovviamente per difetto. È il conteggio, aggiornato all’aprile di quest’anno, delle persone morte nel tentativo di emigrare in Europa sia attraverso il mare sia lungo le frontiere terrestri.

Lo aggiorna quotidianamente…

PASSAGGIO A NORD EST
Estreme Conseguenze

Dal confine croato entrano ogni anno migliaia di persone che nei Balcani vengono torturate e derubate, inizia oggi il nostro dossier.

Tre ragazzi che camminano in fila, zainetto in spalla, sembrano appena usciti dalla lavanderia,…

IL SUB, L’ESPLOSIVO E LA STRAGE FASCISTA
Estreme Conseguenze

«Il 2 agosto 1980 ero a Padova con Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, poi mi allontanai per incontrare un mio conoscente, detto “il Sub”, a cui dovevo far filettare delle armi, ma…

0 8 minuti
Estreme Conseguenze

8/9 milioni di metri cubi di alberi abbattuti, sette volte la quantità di tronchi da sega che vengono lavorati ogni anno in Italia. Più altri 5 milioni sparsi, per un totale di quasi 15 milioni di m/c.  È il bilancio della tempesta ‘Vaia’ (o Adrian) che colpì il Nord Est tra il 28 e il 29 ottobre di un anno fa. Più che tempesta, meglio chiamarlo ciclone. Un fenomeno meteorologico mai visto sulle nostre Alpi.

A un anno di distanza si fanno i conti. Non solo la verifica di quanto ancora è rimasto a terra, dei danni subiti dai boschi secolari ma per cercare di mettere insieme centinaia di dati e di analisi scientifiche.

Perché la vera preoccupazione di studiosi e scienziati è che Vaia abbia segnato un punto di svolta nell’assetto climatico del sistema alpino e che possa non trattarsi di un evento eccezionale. Venti a oltre 140km orari con punte anche di 200-230 in alcune valli. È il futuro che aspetta le Alpi?

E come intervenire sui boschi abbattuti?

La ‘pulizia’ delle piante schiantate procede a macchia di leopardo. Buoni risultati in Trentino e Friuli, molto più indietro in Veneto dove…

EstremeConseguenze ha intervistato Erol Aydemir, cittadino curdo, da 55 giorni in sciopero della fame per denunciare le violazioni dei diritti umani nella Turchia di Erdogan. Erol Aydemir non ingerisce alcun cibo solido da 55 giorni. Da marzo si trova nel centro culturale’Ararat’, storico punto di riferimento della comunità curda di Roma a Testaccio dove, ogni due giorni, i medici ne verificano le condizioni. Assume solo acqua e zucchero. Erol Aydemir ha aderito allo sciopero della
De Luca / Mag 13
PRIGIONIERI INVISIBILI
Estreme Conseguenze

Centinaia di persone in Italia sono private della libertà senza aver commesso alcun reato se non per l’accusa di ‘immigrazione clandestina’. Sono i trattenuti nei CPR, i famigerati Centri per il Rimpatrio.

Sgombriamo il campo…

PARLA LA GUERRA
Estreme Conseguenze

There’s no honorable way to kill, no gentle way to destroy. There is nothing good in war. Except its ending.

Non esiste un modo onorevole di uccidere, né un modo gentile di distruggere. Non…

ROJAVA, LA LORO GUERRA È LA NOSTRA
Estreme Conseguenze

Claudio, Luisi, Davide, Marco. Sono alcuni partigiani italiani che hanno combattuto in Siria contro il sedicente califfato Daesh negli ultimi anni. Lorenzo ‘Orso’ Orsetti. Suo padre Alessandro. Erol Aydemir. Da mesi EstremeConseguenze racconta le…

SARDEGNA 12 OTTOBRE: BASTA COI POLIGONI MILITARI
Estreme Conseguenze

Il più grande poligono militare di Europa è anche abitato. Il 12 ottobre migliaia di sardi riuniti intorno a più di 60 sigle di associazioni e…