0 12 minuti
Estreme Conseguenze

La prego presidente, perché hanno ucciso mio fratello? Chi è stato? Giulio Andreotti mi guardò senza rispondermi. Eravamo nei corridoi del tribunale di Perugia.  Lui non era da solo e un paio di uomini si frapposero fra noi, quasi a volermi bloccare. Andreotti mi sorrise e continuò a camminare”. Rosita Pecorelli, la sorella del giornalista ucciso il 20 marzo del 1979 con quattro colpi di pistola ricorda momenti di un processo che portò all’assoluzione di Giulio Andreotti e di Massimo Carminati, il primo accusato di essere il mandante dell’omicidio Pecorelli, l’altro di esserne il killer. “Durante le udienze continuava a scrivere. Mi guardava, abbozzava un sorriso, e poi continuava, quasi ripiegato su se stesso, col braccio attaccato al petto.  Il 10 ottobre del 1998 due carabinieri mi portarono a casa un libro e un biglietto: Le invio volentieri il volume scritto ultimo. La saluto. All’epoca i miei occhi c’erano ancora, riuscivo a leggere da sola e senza ingranditore, e ricordo di averlo letto quel giorno stesso. Ho pensato che ci fosse un messaggio, lo stesso che c’era in quella lettera inviata a mio fratello”.

Quale lettera?

“Mino soffriva di dolorose e lancinanti emicranie, e credo anche Andreotti avesse lo stesso problema perché ci fu, tra mio fratello e l’allora presidente del consiglio, uno scambio di lettere per questo male comune. E la lettera di Giulio Andreotti, fu trovata nello studio di mio fratello, subito dopo l’omicidio, e sequestrata. È una lettera che risale alla fine di gennaio del 1979 scritta di pugno da Giulio Andreotti che si rivolgeva personalmente a Mino con tono molto garbato, suggerendo, come rimedio ai suoi terribili mal di testa, il riposo assoluto. Insomma, Andreotti, consigliò a mio fratello di prendersi una pausa. Di non scrivere più. Quindi ho pensato che volesse in qualche modo aiutarlo, con il suo saggio consiglio, e che nel libro ci fosse un’indicazione anche per me. L’ho letto in poche ore. L’ho riletto ancora. E l’ho fatto finché ai miei occhi è stato permesso di vedere. Senza riuscire a capire”.  Un suggerimento per una donna che da 40 anni cerca la verità sulla morte del fratello, il giornalista Mino Pecorelli. L’ha cercata anche in “Operazione Via Appia”, un libretto di 104 pagine, scritto e pubblicato durante il processo per l’omicidio del giornalista e che, pensando all’autore, va letto, plausibilmente, in controluce. Che fa pensare, per titolo e contenuti, a quell’archivio ritrovato in via Appia a Roma nel novembre del 1996.  Un archivio fino ad allora sconosciuto con oltre 200 faldoni e, tra l’altro, con parte di un ordigno a suo tempo utilizzato negli attentati ai treni dell’agosto 1969, per i quali sono stati condannati Franco Freda e Giovanni Ventura. Il reperto, riemerso nel 1996, dopo 27 anni dagli attentati e dalla successiva strage di Piazza Fontana a Milano, è la prova concreta di come venivano condotte le indagini sugli attentati commessi dalla cellula veneta di Ordine Nuovo. Perché il reperto all’epoca trasmesso dalla polizia all’Ufficio Affari Riservati del Ministero dell’Interno (quello con a…

ALTRE STORIE

PIAZZA FONTANA. ORDIGNO DI ORDINE NUOVO, DICIOTTO MAZZI DI FIORI
E così siamo a 50 anni, 50 anni dalla strage
Strage di Bologna: “Sono stati i Nar!”. E spunta Pecorelli
“Non conosco nessun civile, nessun oppositore politico, né un oppositore

AUTO E TULIPANI


William Beccaro

È nato, è nato, è nato. Sarà che Natale è alle porte, ma il giubilo di certe testate nostrane è pari a quello per la nascita del bambinello, se non che a nascere, in questo 18 dicembre 2019, è il secondo colosso mondiale della produzione delle automobili. Il primo è quello targato Volkswagen. Il nuovo gruppo, di cui non si conosce il nome, unirà Fiat-Chrysler e Peugeot-Citroën, in un’unica grande casa, in Olanda. Cioè, il gruppo della famiglia Agnelli, diciamo italo-americano, e quello della famiglia Peugeot, diciamo francese, avrà sede in Olanda, cioè non Roma o Parigi, non Torino o Sochaux, non Milano o Montbéliard, bensì Amsterdam. Lo sappiamo, lo sappiamo, che state pensando male, cose del genere “in Olanda si pagano meno tasse” oppure “la tassazione degli utili è quasi nulla” o, ancora, “il diritto societario olandese ha alcuni vantaggi non trascurabili”. Beh, se avete pensato tutte queste cose, tanto fuori strada probabilmente non siete. Ma, è giusto che ricordiate, che la FCA, cioè la famiglia Agnelli, è in terra di tulipani da mo’ e che è in ottima compagnia. Qui abitano le principali corporation mondiali, sia quelle old che quelle new economy. Mfe (famiglia Berlusconi), Exor (famiglia Agnelli), Uber, Ebay, Nike, Ikea e ci fermiamo solo per questione di sintesi. La tentazione di rifugiarsi in un mozartiano “così fan tutte” è tanta, però è sbagliata, perché non è che tutte tutte le società fan così, pensateci ogni qual vo

Leggi di più

Video


PIAZZA FONTANA. ORDIGNO DI ORDINE NUOVO, DICIOTTO MAZZI DI FIORI
E così siamo a 50 anni, 50 anni dalla strage di Stato di Piazza Fontana a Milano. Strage di Stato
Leggi di più
UNA MEMORIA SENZA STORIA
Abbiamo aderito senza remora alcuna alla battaglia giusta, anzi doverosa, affinché la città Medaglia d’oro della Resistenza, Milano, avesse un
Leggi di più
Strage di Bologna: “Sono stati i Nar!”. E spunta Pecorelli
“Non conosco nessun civile, nessun oppositore politico, né un oppositore politico rivoluzionario, come diceva di essere Paolo Signorelli, che potesse
Leggi di più


IL CORPO NERO
Estreme Conseguenze

Andi Nganso è medico, ideatore del Festival DiverCity. Questo il suo intervento a CasaComune, Milano, 30 Novembre, Anteo, che pubblichiamo. 

Per costruire il futuro sul tema della Cittadinanza, dobbiamo in primis fare un’ autocritica di…

LA LISTA
Estreme Conseguenze

36.570 vittime dal 1993. Ovviamente per difetto. È il conteggio, aggiornato all’aprile di quest’anno, delle persone morte nel tentativo di emigrare in Europa sia attraverso il mare sia lungo le frontiere terrestri.

Lo aggiorna quotidianamente…

PASSAGGIO A NORD EST
Estreme Conseguenze

Dal confine croato entrano ogni anno migliaia di persone che nei Balcani vengono torturate e derubate, inizia oggi il nostro dossier.

Tre ragazzi che camminano in fila, zainetto in spalla, sembrano appena usciti dalla lavanderia,…

IL SUB, L’ESPLOSIVO E LA STRAGE FASCISTA
Estreme Conseguenze

«Il 2 agosto 1980 ero a Padova con Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, poi mi allontanai per incontrare un mio conoscente, detto “il Sub”, a cui dovevo far filettare delle armi, ma…

0 7 minuti
Estreme Conseguenze
L’anarchico è stato ammazzato e, considerando chi c’era nell’ufficio della Questura da cui è stato defenestrato, è stato ammazzato dallo Stato

Grafite è parola ingannevole, perché ricorda il graffiare e quindi si finisce con il pensare che la matita, la cui mina di grafite è fatta, graffi e, invece, la matita scrive come dice il suo etimo, gráph?.

Di matita sono i segni di “Pino. Vita accidentale di un anarchico”. È il titolo del bello e commovente film animato della regista Claudia Cipriani, che abbiamo avuto il privilegio di vedere in anteprima all’Arci Bellezza di Milano. Il titolo inganna, nel senso che somiglia così tanto all’opera di Dario Fo, “Morte accidentale di un anarchico”, che potreste pensare di sapere già tutto, di non avere nulla da vedere, ma non è così. Anzi è il contrario di ciò che avete visto finora o meglio, è tutto ciò che non vi hanno mai raccontato: la vita, il vivere di Pino, di Giuseppe Pinelli. A prendervi per mano, sin dai primi fotogrammi, ma bisognerebbe dire tavole disegnate, sono Claudia e Silvia, le figlie dell’anarchico suicidato alla Questura di Milano, nella notte tra il 15 e il 16 dicembre di mezzo secolo fa, il 1969.

E la grafite del cartone animato  scrive la Storia e, a…

La relazione presentata al Parlamento. Offerta di sostanze stupefacenti e caratteristiche del mercato. La spesa effettuata per consumo di sostanze psicoattive illegali è stimata in 15,3 miliardi di euro (0,9% del PIL) in aumento di circa un miliardo rispetto all’anno precedente: fra questi poco più del 42% è attribuibile alla spesa per il consumo di cocaina e circa il 29% a quella per l’uso di derivati della cannabis. Le operazioni antidroga effettuate nel corso del
De Luca / Dic 17
PRIGIONIERI INVISIBILI
Estreme Conseguenze

Centinaia di persone in Italia sono private della libertà senza aver commesso alcun reato se non per l’accusa di ‘immigrazione clandestina’. Sono i trattenuti nei CPR, i famigerati Centri per il Rimpatrio.

Sgombriamo il campo…

PARLA LA GUERRA
Estreme Conseguenze

There’s no honorable way to kill, no gentle way to destroy. There is nothing good in war. Except its ending.

Non esiste un modo onorevole di uccidere, né un modo gentile di distruggere. Non…

ROJAVA, LA LORO GUERRA È LA NOSTRA
Estreme Conseguenze

Claudio, Luisi, Davide, Marco. Sono alcuni partigiani italiani che hanno combattuto in Siria contro il sedicente califfato Daesh negli ultimi anni. Lorenzo ‘Orso’ Orsetti. Suo padre Alessandro. Erol Aydemir. Da mesi EstremeConseguenze racconta le…

SARDEGNA 12 OTTOBRE: BASTA COI POLIGONI MILITARI
Estreme Conseguenze

Il più grande poligono militare di Europa è anche abitato. Il 12 ottobre migliaia di sardi riuniti intorno a più di 60 sigle di associazioni e…