PAOLO VERRI – GIORNALISTA

Pubblicato il Maggio 30, 2020, 10:57 am
56 secondi

Paolo Verri bolognese di nascita e da quasi 20 anni milanese di adozione. Si è trasferito in Lombardia con la scusa dell’università e lavora come giornalista per un’agenzia di stampa da una quindicina d’anni. Ha collaborato anche con agenzie internazionali e con diverse radio, tv e quotidiani come Il Giorno e le testate del gruppo QN e quelle del gruppo Messaggero. Si occupa soprattutto di cronaca giudiziaria e nera, ma da sempre ha la testa e il cuore in giro per il mondo.

Articoli di Paolo Verri su Estreme Conseguenze

Nuovo incontro del ciclo ‘Women Working Winning’, Donne al lavoro vincono, dedicato alle sfide del trasporto aereo e al turismo. Ne parlano l’avvocato Marianna Tranchida, Responsabile Affari Legali, Istituzionale e Regolamentazione presso l’Aeroporto G. Marconi di Bologna e l’avvocato giuslavorista Susanna Carinci, dello studio Carinici di Bologna, in rete con lo studio LabLaw Failla Rotondi & Partners. Il settore del trasporto aereo internazionale è stato colpito enormemente dagli effetti della pandemia in corso, al pari
Verri / Mag 28
Bergamo è stata la trincea nella lotta disperata contro il covid-19. Senza una terapia ben definita, senza posti letto negli ospedali, senza ossigeno, senza Dpi, sono morti a migliaia. Molti erano over 70 e molti ricoverati nelle case di riposo. Chi ha portato il contagio nelle strutture. I parenti? Gli operatori? Qualche ospite che è stato ricoverato all’ospedale di Alzano Lombardo? Difficile dirlo. Di certo c’è che, secondo l’ultimo rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità pubblicato il
Verri / Mag 28
In prima linea, ma senza stipendio. Hanno lavorato sulle ambulanze quando l’emergenza covid-19 non era ancora un’emergenza, anche se il virus girava all’impazzata.E anche dopo, quando la chiusura di tutta Italia era imminente. Da dicembre fino ad oggi, però, hanno ricevuto solo parte dei loro stipendi. E dei 100 euro in busta paga destinati a chi era in prima linea nell’epicentro dell’epicentro dell’epidemia, nessuna traccia. Succede anche questo in Lombardia, la “regione modello” più colpita dal
Verri / Mag 21
 La chiave della risposta delle aziende all’emergenza covid-19 sono le persone. E proprio su come valorizzare le risorse umane nei tempi difficili che stiamo attraversando ragioneranno Alessia Benevieri, Head of HR&O Energy Team presso Falck Renewables SpA e l’avvocato Susanna Carinci nel secondo incontro del ciclo ‘Working Women Winning’, donne lavoratrici che vincono. Appuntamento per giovedì 21 maggio dalle 18 alle 19 su YouTube. Al centro del dibattito, trai tanti argomenti, il distanziamento creato dallo smart
Verri / Mag 21
Chi sta meditando di comprare casa, sa che la ricerca può essere lunga, complicata e molto spesso frustrante. Ci sono le “rincorse” agli agenti immobiliari, le offerte e le occasioni sfumate sotto il naso. Succede a Roma, a Torino, a Genova, a Bologna, a Napoli e ancora di più a Milano, città che gli operatori del settore ritengono “il mercato perfetto” per numero di case in vendita e compravendite stipulate.  Un mercato che in tanti
Verri / Mag 20
Imprenditori, artigiani, ristoratori e negozianti hanno fatto il conto alla rovescia per poter riaprire. Ma c’è chi non si è unito al coro di richieste al governo e alle regioni per far iniziare la fase 2 prima possibile. Sono gli imprenditori e i negozianti cinesi, che per la maggior parte hanno scelto di tirare su la saracinesca solo tra un paio di settimane. Le ragioni diverse, spiega Francesco Wu, 40 anni, una laurea in ingegneria
Verri / Mag 18
Il 22 maggio la legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza “compie” 42 anni. Anche se la norma, promulgata nel 1978 dopo tante battaglie, ha ormai raggiunto la mezza età, in Italia abortire è ancora una faccenda complicata. Le ragioni sono tante. Alla delicatezza della scelta – che è spesso ancora accompagnata da un forte stigma sociale per le donne che decidono di rinunciare a una gravidanza – si aggiungono anche una serie di ostacoli da
Verri / Mag 18
La Giornata Mondiale dell’infermiere, quest’anno è stata dedicata “a tutti coloro che sono caduti per il covid-19”. Questo 12 maggio, però, per gli infermieri italiani non è solo un momento per celebrare l’abnegazione e la professionalità di chi in corsia ci va ogni giorno, ma anche per “rivendicare tutta una serie di riconoscimenti necessari alla nostra professione”, spiega Stefano Barone segretario del sindacato degli infermieri NurSind di Roma. “Grazie al lavoro fatto in questo periodo
Verri / Mag 12
Il virus Sars Cov-2 in Italia circolava già da ottobre scorso, ma nessuno se n’è accorto fino a fine febbraio. Sensibile alle temperature, come tutti i coronavirus, è destinato a scomparire con l’estate per poi ripresentarsi in autunno. Lo ha scoperto il team guidato dal professor Pasquale Mario Bacco,  in forza alla Melem Spa, società statunitense che ha diverse sedi in Italia e che si occupa di medicina e di sicurezza sul lavoro. Per il coronavirus
Verri / Mag 12
Il periodo di quarantena e la fase 2 – per i fortunati che non si sono ammalati e non sono in affanno economico – possono essere un “laboratorio durante il quale imparare molto anche su se stressi”. Il rischio però è che qualunque lezione abbiamo imparato “svanisca tempo tre mesi”. Ne è convinto Paolo Vergnani, psicologo, attore, esperto e docente di gestione e risoluzione dei conflitti. Nel 1997 ha tenuto il primo spettacolo di Teatro d’impresa
Verri / Mag 11
Tre ore per chiedere notizie dei propri cari, morti o ancora intrappolati al Pio Albergo Trivulzio. Tre ore per parlare con il professor Fabrizio Pregliasco, nominato a fine aprile direttore scientifico della struttura dove da inizio anno sono morti 400 pazienti. Tre ore per tentare di farsi ascoltare da chi ha definito “panna montata” l’inchiesta sul Pat e “demenziali” le tante denunce di familiari e infermieri che rischiavano di essere licenziati se avessero indossato le
Verri / Mag 10
È una cronaca macabra quella che esce dalle denunce che alcuni infermieri del Pio Albergo Trivulzio hanno presentato alla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano. Essendo al PAT morte 400 persone, qualsiasi sintesi ci sembrerebbe riduttiva. Tanto più dopo che il virologo Fabrizio Pregliasco, chiamato ad aprile a gestire la supervisione scientifica dell’emergenza al Pio Albergo Trivulzio, si è permesso, con la complicità dell’HuffingtonPost, di definire l’inchiesta ‘panna montata’ e le denunce presentate ‘demenziali’.
Verri / Mag 8
Sono almeno 4,5 milioni gli italiani che da questa mattina tornano al lavoro. In tanti, specialmente nelle grandi aree urbane, prima della quarantena erano abituati a raggiungere il posto di lavoro in treno, bus o metropolitana. Solo nell’area di Milano, sono 750mila i pendolari che ogni giorno partono dall’hinterland per raggiungere la metropoli utilizzando i mezzi pubblici. Viaggi spesso ne piacevoli ne agevoli: le cronache di quei tragitti riempiono ogni giorno chat e gruppi sui
Verri / Mag 4
Negli ultimi tre mesi il covid-19 ha fatto una strage nelle Rsa di tutta Italia, che si sono trasformate in una trappola per i loro ospiti. Sono morti oltre 7000 anziani, la metà dei quali in Lombardia. “Vittime collaterali” di un’epidemia che ha colpito duro soprattutto i più fragili. E proprio i più fragili, per Alessandro Azzoni, portavoce del Comitato Verità e Giustizia delle vittime del Trivulzio, a fronte di un’inerzia colpevole da parte delle Regioni,
Verri / Mag 3
Il coronavirus non ferma la musica e lo spirito di libertà. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Francesco Davide Lattuada, viola dell’orchestra della Scala e presidente dell’Anpi del teatro del Piermarini:    25 aprile 2020   Nel 75’ anniversario della Liberazione dal nazi-fascismo la sezione Anpi del Teatro alla Scala aveva programmato un concerto dell’orchestra scaligera offerto alla città di Milano. Purtroppo le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria tutt’ora in corso hanno completamente stravolto tutte le
Verri / Apr 25
Carabinieri ipertecnologici in prima linea nella lotta al covid-19. Ma ancora non tutti possono contare su una fornitura adeguata di mascherine e guanti. Possibile? Andiamo con ordine. Nei giorni scorsi in piazza Duomo a Milano è comparsa una pattuglia dotata dei modernissimi caschetti che vedete nella foto, in grado di misurare la temperatura corporea delle persone che i militari dell’Arma avevano di fronte e dovevano controllare. Device ultramoderni che si chiamano ‘smart helmet’, e sono già in
Verri / Apr 24
“Quello che a noi fa rabbia, ma tanta rabbia, è che al Pio Albergo Trivulzio dovevano proteggere tutti i pazienti, che avevano diritto sacrosanto di essere curati al meglio. Il covid-19 potevano prenderlo ovunque, ma la struttura a cui li abbiamo affidati avrebbe dovuto tutelarli”. Non si da pace Maria Sicilia, che si è rivolta a Daniele Viola del portale che tutela i malati Risarcimentosalute.it. La sua mamma, Dina Guretta, ha 80 anni, dal 27 febbraio
Verri / Apr 18
Le nuove mascherine distribuite gratuitamente da Regione Lombardia a operatori sanitari sono confezionate da Fippi Spa, azienda di Rho specializzata nella produzione di pannolini. Per la ADL Cobas Lombardia – Associazione diritti lavoratori, rappresentata da Riccardo Germani, la vestibilità delle mascherine, che spesso scivolano dal volto di medici e infermieri e personale del 118, non garantirebbe la piena sicurezza per chi si trova a operare a diretto contatto con i pazienti covid-19. E dunque queste mascherine potrebbero non essere idonee per la funzione
Verri / Apr 17
Mentre tutta l’economia italiana è al palo per via del coronavirus, curiosamente non si fermano gli investimenti nel settore della Space Economy. Una decina di giorni fa il consiglio di amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti Venture Capital – società posseduta al 70% da CDP Equity e al 30% da Invitalia – ha deliberato uno stanziamento, attraverso il proprio fondo dei fondi VenturItaly, di 21 milioni di euro a favore di Primo Space, il primo
Verri / Apr 15
Nelle ultime settimane solo il 35% degli italiani sta continuando ad andare regolarmente al lavoro. Sono soprattutto i dipendenti delle attività ritenute essenziali, come supermercati, farmacie, aziende del settore della logistica e imprese che non possono interrompere i cicli produttivi. Oltre a medici, infermieri, operatori sanitari e forze dell’ordine. Ma ci sono anche numerose eccezioni. Come denunciano i sindacati, non mancano gli imprenditori, da Nord a Sud, che hanno cercato di “forzare il più possibile
Verri / Apr 14
La quarantena mette a dura prova gli amanti, da settimane chiusi in casa lontano dall’oggetto del loro desiderio. Ma trasgredire può costare molto caro. E’ quello che è successo a un quarantenne della provincia di Cuneo, che stamattina è stato fermato da un pattuglia a Torino in zona Lungo Stura Lazio, poco dopo le nove. Quando ha dovuto spiegare il perché avesse sconfinato in una provincia diversa dalla sua e proprio il giorno di Pasqua,
Verri / Apr 13
Riaprire le librerie per dare modo agli italiani di riempire le ore vuote della quarantena e di riscoprire il piacere della lettura. Una scelta affrettata, che non tiene conto della sicurezza di librai e clienti? O piuttosto un’opportunità per avvicinare le giovani e meno giovani ai libri? In Lombardia le librerie resteranno ancora chiuse, mentre nel resto d’Italia, come prevede l’ultimo Dpcm, da martedì potranno tornare a tirare su la saracinesca.  Romano Montroni, decano del
Verri / Apr 11
Il coronavirus circolava in Lombardia e nel resto d’Italia “molto prima” rispetto al 20 di febbraio, data in cui il ricovero del ricercatore 38enne dell’Unilever all’ospedale di Codogno ha portato allo scoperto il problema. A metterlo nero su bianco sono gli stessi protagonisti della sanità lombarda impegnati in questo durissimo braccio di ferro con il virus. Il 20 marzo hanno pubblicato uno studio molto articolato su Arvix, il database dell’americana Cornell University, nel quale illustrano
Verri / Apr 8
Una città chiusa, presidiata dall’esercito, isolata, tagliata fuori dal resto dell’Ecuador e dal resto del mondo. É cosi che da quasi un mese sta vivendo Guayaquil la città più popolosa del Paese sudamericano dove finora si è registrato il maggior numero di contagi. I casi accertati nella provincia del Guayas, dove si trova la città, secondo il quotidiano ‘El Comercio’ sono 2534 su un totale di 3747 a livello nazionale e 190 i morti. Dati che fanno
Verri / Apr 8
Nuove regole per poter presentare al propria domanda sul sito dell’Inps e ottenere il bonus da 600 euro previsto dal decreto Cura Italia. Il sito dell’ente previdenziale è bloccato dalla notte scorsa, ma da domani sarà nuovamente possibile presentare la richiesta. Gli scaglioni saranno due, come ha spiegato il presidente dell’Inps Pasquale Tridico: dalle 8 alle 16 sarà la volta dei patronati e dopo le 16 potranno accedere direttamente i cittadini, tramite Pin, anche Pin
Verri / Apr 1
Circa 600mila mascherine che gli Ordini dei medici provinciali attendevano dalla Protezione Civile sono state bloccate dal commissario Domenico Arcuri. Si tratta infatti di materiale non autorizzato per uso sanitario. Il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, Filippo Anelli ha inviato agli Ordini regionali una circolare invitando tutti i colleghi a “sospendere immediatamente la distribuzione e l’utilizzo di quanto ricevuto, informando eventuali medici o strutture che ne fossero già in possesso”. “Il commissario
Verri / Apr 1
Sanificare le divise con il vapore, per eliminare il coronavirus. É l’indicazione che è arrivata nei giorni scorsi ai carabinieri del Lazio. In tutte le stazioni è stato distribuito un ferro da stiro verticale, con la preghiera di utilizzarlo sulle stoffe di giacche, pantaloni e maglioni di ordinanza per ripulirle da microrganismi nocivi. Possibile? A denunciarlo sono stati alcuni militari, che hanno realizzato il video che vedete qui sotto. Immagini rimbalzate rapidamente in tutte le chat dell’Arma,
Verri / Mar 31
Con l’emergenza coronavirus, a Milano anche la battaglia per la casa si fa più urgente. In tanti quartieri della periferia –  da San Siro alla Barona, da Giambellino a Calvairate – il racket delle occupazioni abusive delle case popolari non conosce crisi. Le bande di diverse nazionalità si sono riorganizzate in fretta e hanno stretto un patto di non belligeranza tra di loro. E con i tanti ricoveri – soprattutto di inquilini anziani che potrebbero
Verri / Mar 29
Un incendio è divampato nella notte, poco prima delle 5.30, al Palazzo di Giustizia di Milano. Solo dopo alcune ore di lavoro, il rogo è stato spento. Le aree più danneggiare sono la cancelleria centrale dell’ufficio dei Giudici per le Indagini Preliminari, dove si trovavano 25 postazioni lavorative, e il Punto Informativo, che è l’area di contatto tra il personale e il pubblico. Tutto il piano è stato dichiarato inagibile e nelle prossime ore le parti non interessate
Verri / Mar 28
Computer, tablet e cellulari donati ai reparti dove si cura il coronavirus. Un filo sottile, fatto di bit e di circuiti, che lega i pazienti con chi li aspetta a casa. Un modo per scambiare notizie, qualche parola di incoraggiamento, abbracci a distanza e preghiere per esorcizzare insieme la paura. O nei casi più gravi, e sono tanti,  per riuscire a dirsi addio. É preparando e consegnando tutto questo materiale che Massimiliano De Cinque impiega buona parte delle
Verri / Mar 27
Sono in tanti i lavoratori che hanno deciso di incrociare le braccia e aderire allo sciopero generale per chiedere più sicurezza sul lavoro e la chiusura di tutte le attività non essenziali, finché l’emergenza coronavirus non sarà passata.  Nel frattempo nelle fabbriche della Lombardia la partecipazione  alla mobilitazione dei metalmeccanici  è stata tra il 60 e il 90%, hanno fatto sapere Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil, che parlano di “alta adesione” alla protesta contro l’apertura delle fabbriche
Verri / Mar 25
Il decreto della Presidenza del Consiglio del 22 marzo ha deciso di chiudere tutto ad eccezione delle attività essenziali. Ma le eccezioni che emergono tra le pieghe della norma sono tante, troppe. Per questo l’Unione sindacale di base conferma lo sciopero generale, indetto per il 25 marzo. Aderiranno anche i metalmeccanici della Lombardia e i sindacati preannunciano uno stop delle fabbriche anche nel Lazio. Per Fiom, Fim e Uilm sono troppo larghe le maglie della sospensione di
Verri / Mar 25
Il decreto della Presidenza del Consiglio del 22 marzo ha “chiuso tutto” ad eccezione delle attività non essenziali. E adesso cosa cambia per lavoratori e imprese?  Lo spiega l’avvocato Susanna Carinci, alla guida del team di giuslavoristi dello studio fondato dal professor Franco Carinci di Bologna,  in rete con lo studio LabLaw. Ecco un piccolo VADEMECUM, realizzato in collaborazione con la consulente del lavoro Giorgia Giusti, per orientarsi nella ‘giungla’ di misure e ammortizzatori sociali per le
Verri / Mar 24
Milano è una città in apnea. Ad eccezione delle lunghe code davanti a supermercati e farmacie – già alle 6 della mattina c’è chi si allinea fuori dai negozi in attesa di fare la spesa – per strada non c’è praticamente nessuno. Tutti fanno scorte per affrontare la chiusura totale, decisa dal Dpcm del 22 marzo e rinforzata dal un’ordinanza di Regione Lombardia. Ma se in giro per strada c’è un’atmosfera di attesa in vista
Verri / Mar 23
“La battaglia di Milano contro il coronavirus è iniziata da un bel po’, magari nei giorni scorsi ha dato meno segno di se di quanto in realtà abbia fatto ultimamente”. Auspica misure più stringenti e decisioni in tempi brevi il professor Massimo Galli, direttore del reparto di Virologia dell’ospedale Sacco, mentre fa il punto con EstremeConseguenze.it sulla strategia da mettere a punto per fermare il contagio. “Adesso le persone possono comunque uscire per andare a
Verri / Mar 21
Anche il sindacato USB appoggia i Soccorritori Lombardi, che hanno indirizzato ad AREU, l’Azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia, una lettera aperta con tutti i loro “grazie” per la gestione dell’emergenza coronavirus. Riceviamo e pubblichiamo il messaggio: L’USB sostiene la lettera aperta inviata dai soccorritori lombardi all’AREU. Da tempo il “sogno” coltivato dall’USB è quello di organizzare i lavoratori del soccorso per provare a combattere e ribaltare le logiche oscure con le quali ci siamo dovuti
Verri / Mar 21
Ieri è apparso su 6 News un bel servizio su una famiglia di Omaha bloccata in Veneto, probabilmente nei pressi della base di Vicenza. Nel servizio si parlava delle autocertificazioni, del blocco totale di ogni contatto umano e si mostrava un video di un’auto della protezione civile con il megafono che invitava la gente a stare a casa. Probabilmente una settimana fa questo servizio avrebbe avuto lo stesso effetto di vedere un grave incidente automobilistico
Verri / Mar 21
Riceviamo e pubblichiamo la lettera che i Soccorritori Lombardi hanno indirizzato ad Areu, l’Azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia con tutti  “i loro grazie”per l’emergenza coronavirus. L’iniziativa arriva dopo che Areu ha aperto una casella di posta elettronica, con l’appoggio della Società scientifica italiana dell’emergenza sanitaria (Siems), per dare la possibilità ai cittadini di ringraziare medici e infermieri impegnati nell’emergenza coronavirus.   Grazie Areu per averci messo in prima linea contro il covid senza i dispositivi
Verri / Mar 19
“Io credo che di coronavirus si sia iniziato a parlare in Italia da dicembre del 2019. Possibile che l’Arma dei carabinieri e le altre istituzioni non siano state in grado di prevedere almeno epidemia e di fornire a militari e protezione civile guanti e mascherine? Errore gravissimo…”. Inizia così lo sfogo di un carabiniere in servizio in Lombardia, sulla strada a ogni giorno per controllare permessi e autocertificazioni di chi esce di casa. Parole a cui
Verri / Mar 19
Si fa preso a dire tutti a casa. Ma se la propria casa diventa peggio di Guantanamo? É quello che in questi giorni sta succedendo a migliaia di donne e minori in tutta Italia. Stanno scontando quello che gli esperti chiamano “effetto week end”, che si verifica quando un marito e padre violento ha più tempo per infierire sui propri cari. E in piena emergenza coronavirus, il “week end” di botte e maltrattamenti rischia di durare
Verri / Mar 15
Paura, tanta paura. Soprattutto di contagiare involontariamente la propria famiglia. Ma anche l’orgoglio di aiutare persone che stanno male a raggiungere in tempi brevi l’ospedale più vicino. E coraggio, tanto coraggio, quello necessario per affrontare da vicino ogni giorno un nemico silenzioso e insidioso come il coronavirus. É questo quello che provano tanti soccorritori del 118 in prima linea in tutta la Lombardia. Dal 20 di febbraio, il giorno in cui è stato trovato il
Verri / Mar 8